Agricoltura biologica contadina a Bologna

Un mercato in Piazza Verdi: firma anche tu la petizione a favore dell'agricoltura biologica contadina.
Bologna è la nostra amata città ed è per questo che noi bolognesi vogliamo sempre il meglio per essa e per poter condividere e diffondere la cultura, il modo di vivere e di pensare che ci appartiene.
Come sappiamo questa cittadina oltre ad una miriade di cose bellissime da vedere, possiede anche una stupenda piazza in onore di Giuseppe Verdi, chiamata infatti Piazza Verdi, che è situata proprio al centro della zona universitaria. Questa piazza viene usata soprattutto d'estate ospitando svariate manifestazioni culturali. Oggi, con questa petizione, vorremmo che in essa venga realizzato il mercato di CampiAperti; per chi non la conoscesse è un'associazione per la Sovranità Alimentare nata ben 12 anni fa con una collaborazione tra contadini che praticano l'agricoltura biologica e co-produttori. Insieme costituirono il primo mercato settimanale di Bologna, aggiungendosene via via sempre altri ed allargandosi anche a zone abbastanza periferiche, rendendole cosi' anch'esse luoghi di incontro e di scambi.
La carta dei principi di campiAperti prevede:
- divulgare il consumo degli alimenti provenienti da un'agricoltura biologica
- sostenere e tutelare una giusta ricompensa del lavoro svolto e prezzi trasparenti ed equi per gli acquirenti
- sostenere l'agricoltura contadina praticata con metodi biodinamici e biologici per proteggere il territorio dall'incursione dell'industria agro-alimentare

Tutti questi principi vengono attuati con azioni reali e fattibili quali:
- la vendita diretta esclusivamente di prodotti provenienti dalla lavorazione della propria terra
- la realizzazione di un sistema organizzativo che comprende la collaborazione e la condivisione nazionale ed internazionale ma anche la concretizzazione di interventi pubblici educativi, culturali e sociali
- la partecipazione libera e popolare, per cui l'assemblea generale diventi il principale organo di autogestione
- il controllo diretto e l'autocertificazione da parte dei soci usato come strumento per avere garanzia di una superiore qualità biologica delle coltivazioni riguardanti la realtà contadina

Per poter realizzare questa nuova campagna che promuove la cultura dell'agricoltura biologica, sono state coinvolte molte associazioni e gruppi liberali che praticano il commercio equo-solidale, i collettivi di studenti, i gruppi di acquisto solidale ed il Creser, cioè il coordinamento emiliano romagnolo per l'economia solidale che sta appoggiando un progetto di legge riguardante l'economia solidale presso la Regione dell'Emilia Romagna.
La richiesta di questa petizione è la disponibilità da parte dell'amministrazione comunale ad avviare il progetto per la realizzazione di un mercato agricolo biologico in Piazza Verdi, rispettando i principi descritti precedentemente.
Aiutaci anche tu a sostenere CampiAperti in questo progetto firmando la petizione, perchè con una semplice firma potresti migliorare la cultura biologica e dar vita ad un mercato che non sarà solo un semplice mercato ma molto di più. Grazie.